I Fagioli di Sarconi

La modestia dei fagioli - “Mangia fagioli” - il disprezzo classista che frequentemente, in epoche non remote, veniva riservato ai forzati consumatori di questo umile e generoso legume non ha finalmente più nessuna ragione di sopravvivere. Anzi! E in Basilicata lo hanno scoperto per primi. E’ ormai noto a molti che la presenza dei legumi, insieme al grano, ha praticamente impedito che nelle regioni meridionali imperversasse la Pellagra, malattia gravissima, spesso mortale che dalla seconda metà dell’ottocento fino agli anni quaranta del novecento, ha sconvolto le campagne del Veneto e della Pianura Padana.

A Sarconi, per citare un esempio non casuale, la classe dei braccianti, la più misera, traeva sostentamento dai piccoli appezzamenti di terreno tutti seminati a fagioli. La consapevolezza che i legumi, e soprattutto i fagioli, costituivano la sola via di salvezza dalla fame era infatti così diffusa da far sì che, nella zona, le coltivazioni di tali prodotti fossero le maggiormente rappresentate, come ci confermano i dati contenuti nel catasto conciario fin dal 1746. In altre parole, i contadini pur non essendo a conoscenza della composizione chimica dei fagioli, avevano intuito le loro grandi capacità energetiche. Non potendo, per le condizioni misere in cui versavano, nutrirsi di carne, si sfamavano con cereali e legumi cioè con la classica pasta e fagioli: il piatto simbolo dell’alimentazione contadina.
In Basilicata, la coltivazione dei legumi, e dei fagioli soprattutto, viene registrata già alla fine del XVI secolo come risulta dai registri amministrativi degli Ordini Religiosi Conventuali dell’epoca. Si tratta, in questo caso dei fagioli americani, arrivati in Italia dopo la scoperta di Cristoforo Colombo del Nuovo Continente. Fino ad allora le specie diffuse, conosciute già dagli antichi romani, erano fagioli dall’occhio, come ci testimonia Apicio nel De re coquinaria.

I produttori del consorzio, grazie anche a programmi di enti di ricerca e di sviluppo come Università, CNR, Regione, ALSIA, hanno saputo recuperare e conservare ecotipi locali di indiscutibile valore agronomico, dalle qualità organolettiche eccellenti e produrli secondo regole, spesso non scritte, ma conosciute e tramandate di generazione in generazione. Tali regole, riportate nel disciplinare di produzione IGP, dichiarano che si tratta di una produzione ottenuta secondo gli usi e costumi popolari del mondo contadino, nel rispetto di tradizioni, caratterizzata da metodi agronomici tradizionali che prevedono la rotazione, la consociazione e le concimazioni spesso fatte con concimi organici, in assenza di diserbanti e pesticidi.
Tutte le fasi di produzioni e di confezionamento sono oggetto di attenti ed accurati controlli che assicurano, con la certificazione, il pieno rispetto di tutte le regole previste dal Disciplinare di Produzione adottato dal consorzio di Tutela con sede in Sarconi (PZ).

 

 

I Fagioli IGP di Sarconi

Fagioli e Salute

I fagioli sono legumi particolarmente ricchi di proteine di qualità e poveri di grassi. Un etto di fagioli secchi dà 24 grammi di proteine e soli 2 grammi e mezzo di grassi. Contengono inoltre la lecitina, un fosfolipide che favorisce la riduzione del colesterolo, abbassano la pressione arteriosa, saziano senza far ingrassare e, consumati assieme a cereali, forniscono una gamma completa di proteine. Grazie alla genisteina – contenente antiossidanti - aiutano ad attenuare i sintomi della menopausa, in più sono ricchi di fibra, di Calcio, di Ferro e di Fosforo. l fagioli hanno proprietà depurative, emollienti e diuretiche; per la loro ricchezza di proteine, di amido e di sali minerali, sono usati come succedanei dell'insulina, in caso di forme non gravi di diabete; sono indicati, inoltre, come coadiuvanti nella cura delle malattie reumatiche ma sono sconsigliati a chi soffre di uricemia, colite e gastrite.



 

 

Sagra del Fagiolo

Una kermesse di due giorni - 18 e 19 agosto - tutta dedicata a “Sua Maestà” il Fagiolo di Sarconi, prodotto d’eccellenza della gastronomia lucana e italiana, una vera star nel settore ....

Il nostro stand alla Sagra del Fagiolo

Ogni anno siamo presenti con un nostro stand alla sagra del fagiolo di Sarconi. Veniteci a trovare e a gustare le prelibatezze della nostra terra! Vi aspettiamo....

Consigli

I fagioli freschi presentano una percentuale di scarto superiore al 50%. I secchi invece rendono davvero molto; si ammollano per poche ore in acqua fredda; ....